sabato 23 agosto 2008

PRESENTAZIONE RIVISTA e SEZIONI



PIMALAYA


Pimalaya è una rivista pagana che nasce dal cuore di molte persone e che attraverso la condivisione si propone di portare il sacro all’interno delle nostre giornate.

Pimalaya è qualcosa di plasmabile che diventa di volta in volta qualcosa di diverso a seconda dei contributi che si ricevono.

Può essere un contenitore così come il contenuto, qualcosa da cui prendere come qualcosa a cui dare.

A chiunque voglia partecipare a Pimalaya, anche con un solo contributo, vanno i nostri più sentiti ringraziamenti.


NOTE PRATICHE:

· Per spedire un contributo è possibile inviare una mail al seguente indirizzo: pimalaya@gmail.com.

· Si richiede cortesemente che le “ricette” siano state prima provate da chi le trasmette. Questo perché ci piace l’idea di ricevere un “dono” che abbia prima accompagnato i vostri giorni, che sia ricco di ricordi, emozioni e di una piccola parte di “voi”.

· Si richiede cortesemente che ogni contributo venga firmato (con il nome pagano o con quello civile a piacimento). Questo al solo fine di orientare i lettori e di dare a quest’ultimi la possibilità di ringraziarvi (anche solo con un pensiero positivo).

· La rivista uscirà in via sperimentale per un giro di ruota: per la precisione da Mabon 2008 a Lammas 2009 e sarà completamente gratuita.

· Si ricevono contributi in anticipo rispetto alla festa a cui gli stessi si riferiscono così come in ritardo (per i primi ci metteremmo a gridare un “evviva” saltando in cerchio e per i secondi sarà a disposizione una sezione apposita, denominata “controtempo”).

· Malgrado il profondo desiderio di permettere a tutti quelli che lo desiderano di pubblicare il loro contributo, lo staff di Pimalaya si riserva l’ultima decisione in merito (questo al fine di tutelare i lettori).

· La rivista uscirà solamente in formato digitale pdf scaricabile dal questo blog circa una settimana prima del sabba di riferimento. Per chi eventualmente desiderasse riceverlo direttamente nella casella postale dovrà farne richiesta allo staff.

· Sarà possibile, per chi lo desidera, fare segnalazioni di corsi, siti, libri o quant’altro inerente al mondo pagano. La sezione di riferimento è “finestra” ma anche in questo caso lo staff si riserva l’ultima decisione in merito.

· La presenza o meno di tutte le sezioni dipenderà dai contributi che ci verranno inviati.


SEZIONI:

· EDITORIALE

· CUCINA PAGANA
(ricette di primi, secondi, dolci, liquori, tisane, ecc…)

· INCENSI E POZIONI
(ricette di incensi, di creme, unguenti per il corpo, lozioni, ecc…)

· ATTIVITA’ PER IL SABBA

· ATTIVITA’ PER LA LUNA
DIVINITA'
· CASA PAGANA
(come addobbare la casa, l’altare o il centro della tavola con fantasia)

· RITUALI E PICCOLI RITUALI
(rituali per la festa e piccoli rituali come preghiere, offerte, ecc…)

· FAI DA TE PAGANO
(come costruirsi piccoli oggetti con il legno, la creta, la cartapesta)

· UMORISMO PAGANO
(barzellette, indovinelli e vignette)

· SEZIONE ELEMENTI

· BABY
(giochi, attività, fiabe, ecc…)

· CRUCIVERBA PAGANI
(sia per adulti sia per bambini)

· CANZONI E FILOSOFIA

· RICICLO PRO-GAIA E CONSIGLI BIO PER LA CASA
(come riutilizzare i materiali per creare giochi per i bambini, strumenti, basi per le candele e consigli su come creare una casa a impatto zero)

· IDEE MAGICHE/FOLLI

· ORIENT-EXPRESS
(pellegrinaggi pagani svolti che si desidera condividere attraverso un racconto)

· OROSCOPO PAGANO

· RECENSIONI
(sia di libri sia di musiche pagane)

· RAGNATELA DI POLVERE D’ORO
(preghiere, poesie, racconti e lettere dei lettori)

· CONTROTEMPO
(la sezione per i “ritardatari” che potranno così inviare materiale anche relativo ai sabba precedenti)

· FINESTRA SULL’ORIZZONTE
(sezione per segnalare corsi, eventi, manifestazioni, ecc… )

· LINK DI AMICI E COLLABORATORI


















LO SPIRITO DI PIMALAYA



P I M A L A Y A


Pimalaya si collega ad una parola che in lakota significa “grazie”.

Ma non certo a un grazie superficiale o di cortesia.

Si tratta invece di un grazie che si vorrebbe urlare quando il cuore è così gonfio di gioia da traboccare;

è un grazie che si sussurra con le lacrime agli occhi dopo aver visto la nostra prima alba;

è un grazie che tieni dentro di te, così profondo e così autentico da non poter venir neppure pronunciato;

è il grazie verso gli Dei, verso la sacralità che riempie la nostra vita e il nostro spirito di splendore.

Ma è anche il grazie verso i compagni di cammino che ci hanno preparato la strada e che continuano a camminare insieme a noi.

Ed è attraverso questo tipo di ”grazie” che riconosciamo il valore del dono ricevuto e contemporaneamente siamo pronti per donare a nostra volta.

In questo sentimento si trova la terra fertile che ci permette di vivere e di perpetuare uno scambio vero e profondo.

Si condivide e si cresce insieme attraverso il dono reciproco di ciò che siamo, di ciò che amiamo e di ciò che sappiamo.

Ma Pimalaya non è solo questo. E’ anche il luogo, lo spazio e il tempo attraverso cui portare la sacralità nella nostra vita di tutti i giorni.

Pimalaya è tante cose insieme ma spera di non essere mai solo una parola bensì un modo di vivere, di vedere l’abbondanza e la magia dei “doni” che riceviamo.

Pimalaya si pone a disposizione - di chiunque lo voglia - come ponte, come luogo di congiunzione fra il quotidiano e il sacro; una porta che è sempre aperta al donare, al ricevere e al condividere.

Un’ ultima cosa: Pimalaya è vostra. Voi siete Pimalaya.
Ogni volta che donate o che ricevete fate vivere lo spirito stesso di questa rivista.


Che gli Dei possano benedirvi con degli amici stupendi come i nostri.
Lo staff di Pimalaya


------------------------------------------------------------------------------------------------

Ps: la parola originaria lakota è pilamaya ma scambiando la disposizione delle due consonanti centrali si è pensato di simboleggiare in maniera ancora più marcata un ringraziamento a seguito di uno scambio di doni così come è stata pensata questa rivista: un dare e un ricevere, uno scambio di conoscenze e di esperienze, una rete che ci unisce tutti insieme attraverso la condivisione. Piaccia che sia così.

------------------------------------------------------------------------------------------------